Seminari di psicogenealogia a Torino

Pubblicato il da maura saita

linklink 

Page-01

 

Seminari di PSICOGENEALOGIA

secondo il metodo di Anne Ancelin Schützenberger 

WEEK ENDs ESPERIENZIALI

 Date da destinarsi 

Informazioni: 3409345394 – maura.saita@libero.it 

 

LA PSICOGENEALOGIA

La Psicogenealogia è nata dalla sintesi di differenti approcci sistemici e familiari realizzata dalla psicologa francese Anna Ancelin Schützenberger che ha reso famoso questo metodo attraverso il suo libro "Sindrome degli antenati".

Il lavoro di psicogenealogia consiste nel far ricerche sulla propria famiglia, scovando i legami conflittuali e le problematiche che si ripetono in modo compulsivo da una generazione all’altra.

 Questo metodo permette di andare alla ricerca delle proprie radici e della propria identità, libera dai lutti non risolti, dai non-detti patologici, dai ‘debiti’ legati alle lealtà familiari e dai fantasmi, come per esempio il ruolo del bambino di sostituzione. Inoltre evidenzia i diversi ruoli all’interno della famiglia e porta alla luce le regole sistemiche sottintese che condizionano le lealtà familiari, quali, ad esempio la sindrome di anniversario.

 IL GENOSOCIOGRAMMA

 Il Geneosociogramma è un albero genealogico commentato, con la rappresentazione grafica dei legami familiari: é un disegno che schematizza le grandi tappe del ciclo di vita della famiglia.

Disegnare e comprendere il proprio Genosociogramma permette di capire la propria storia e quella della famiglia di origine, situandosi in una prospettiva transgenerazionale.

Dagli avi non si ereditano solo le caratteristiche fisiche come il colore dei capelli o la struttura corporea, ma anche i segreti, i traumi e i conflitti psichici vissuti in modo drammatico.

Si tratta di una trasmissione generazionale inconscia che può essere portata alla luce tramite il lavoro con il Genosociogramma.

Il Genosociogramma comprende:

  •        I nomi e le età di tutti i membri della famiglia compresi quelli non nati (aborti) o nati morti e anche delle       persone importanti anche se non appartenenti alla famiglia ;
  •       Le date di nascita, di matrimonio, di separazione, divorzio, morte, e di altri avvenimenti rilevanti
  •        Indicazioni delle attività, occupazioni, luoghi di residenza, trasferimenti, immigrazioni, ecc. ;
  •        Cambiamenti nello sviluppo vitale, lutti non risolti, malattie, handicap, ecc.;
  •        Cambiamenti di status quali: licenziamenti, fallimenti, ma anche promozione sociale, ricchezza.
  •        Informazioni su almeno tre generazioni, cioè almeno fino ai nonni se non si hanno figli e fino ai genitori se si hanno figli.
  •        Rapporti affettivi tra le persone: amore, odio, legami conflittuali, esclusioni, ecc.

E`importante che questi dati e di queste informazioni siano conosciute dal consultante (magari con un’indagine preventiva) per poterle utilizzare durante la stesura del proprio albero. Non è però determinante la mancanza di alcune informazioni, se non ottenibili, perché il metodo stesso evidenzia la mancanza di fatti non noti.

 WEEKEND ESPERIENZIALE

Si tratta di due giornate in cui, dopo una parte teorica ed esplicativa del metodo, delle sue origini e delle sue valenze, si disegnano i Genosciogrammi dei partecipanti, compilandoli su grandi fogli appesi, con note e colori, commentandoli.

 Il lavoro di gruppo rende la stesura dei singoli genosociogrammi particolarmente efficace; coinvolgendo i presenti nell’operazione dell’osservazione e della messa in luce dei fatti salienti (date e nomi che tornano, corrispondenze, analogie...) e di tutte le espressioni non verbali del compilatore (dimenticanze, errori e lapsus verbali e grafici...).

 Assistere ai genosociogrammi altrui mette in moto le risonanze, corrispondenze e legami di ciascuno, scoprendo come sempre avviene, la potenza e la profondità energetica del lavoro di gruppo.

L’analisi aperta e di gruppo dei singoli alberi permette un importante lavoro energetico che coinvolge tutti i partecipanti attivando la comprensione intima di ciascuno.

Non tutti gli iscritti al seminario sono tenuti a compilare il proprio Genosociogramma. Chi desidera assistere solo alla stesura degli alberi psicogenealogici altrui, può proseguire il lavoro individualmente, chiedendo una sessione singola alla docente (bisogna specificarlo all'atto dell'iscrizione).

Il successivo esame di nodi e fatti salienti evidenziati dalla giornata esperienziale, rispetto alla propria storia familiare, attraverso un ulteriore ricerca di fatti e notizie e una riflessione personale, può produrre la necessità e il desiderio di riparazione dell'albero attraverso il sistema delle costellazioni familiari, effettuabili individualmente con Maura Saita Ravizza, rendendo il percorso di Psicogenealogia un lavoro esauriente e completo.

Concetti chiave

Lealtà familiari - Ivan Boszormenyi-Nagy

Sindrome d’anniversario - Anne Ancelin Schützenberger

Cripta e fantasmi psichici - Nicolas Abraham e Maria Török

Il bambino di sostituzione.

Nevrosi di classe.

L’esclusione dal sistema familiare.

MAURA SAITA RAVIZZA 

Consulenze anche individuali di Psicogenealogia e Costellazioni Familiari.

Psicoterapeuta certificata presso l’Institut Européen de Psychologie Appliquée di Saint Laurent du Var (Nizza- Francia).

Formazione in Psicogenealogia presso Cathy Damiano ex allieva di Anne Ancelin Schützenberger.

Facilitatore in psicogenealogia e Costellazioni Familiari secondo il metodo simboloimmaginale, certificazione riconosciuta da AISCOM Svizzera.

Docente di Analisi Transgenerazionale presso IEPA di Saint Laurent du Var (Nizza) e presso la scuola italo-svizzera di counseling, Nonterapia (Bissone).

Maura Saita  

maura.saita@libero.it

3409345394 

LINK:

http://psicogenealogia.over-blog.it/

http://psicogenealogiacostellazionifamiliari.blogspot.com/ 

Commenta il post